“MANGIA COME PARLI. COM’E’ CAMBIATO IL VOCABOLARIO DEL CIBO”

 In Senza categoria

Martedì 15 luglio, presso la sala esperienziale della Torre Vinaria, si è tenuta la presentazione del libro “Mangia come parli. Com’è
cambiato il vocabolario del cibo”, scritto da Cinzia Scaffidi e pubblicato da Slow Food Editore. Hanno partecipato anche il Presidente Regionale Slow Food Abruzzo Eliodoro d’Orazio, il segretario Raffaele Cavallo, il Prof. Francesco Sabatini, Presidente Onorario dell’Accademia della Crusca, e Licia Caprara, giornalista e mediatrice del dibattito.

Il libro è strutturato come un vocabolario che passa in rassegna 100 termini chiave di uso quotidiano riguardanti il mondo gastronomico, dalla A di agricoltura alla Z di zappare, cogliendoli nella loro evoluzione storica.
Infatti, negli ultimi cinquant’anni, così come si sono verificati cambiamenti all’interno della società, se ne sono avuti altri
concernenti i costumi alimentari e l’approccio al cibo. Per questo motivo la Scaffidi, che è direttrice del centro Studi di Slow Food,
analizza i mutamenti occorsi al linguaggio del cibo, per indagare sia nuove parole nate all’interno del suo vocabolario sia come quelle già esistenti abbiano cambiato il proprio significato, o quanto meno il loro valore evocativo, simbolico: ad esempio gli aggettivi grasso e magro, che hanno oggi una valenza negativa il primo, positiva il secondo, all’opposto di quanto accadeva in una società rurale del passato dominata dalla penuria alimentare. Non un semplice esercizio linguistico quindi ma un saggio filosofico sulla trasformazione della cultura alimentare vista dalla parte di Slow Food.
La presentazione è stata accompagnata, naturalmente, dai vini e dagli spumanti della Cantina Frentana e da un primo piatto preparato dallo chef Ermanno Di Paolo.

Recent Posts